Mario Mazzitelli

Mario lavora a Giffoni Valle Piana nell’area dei monti Picentini dai quali si domina la costa di Amalfi e del Cilento. Di professione è enologo e dopo anni di attività in giro per cantine in Italia e all’estero è passato dall’altra parte e ha creato una sua azienda vinicola:  “Lunarossa Vini e Passione”. Il riferimento è alla luna che influenza i vini e alla passione che è necessaria per produrli. Produce dei vini che sono il frutto della storia di quel territorio e della sua capacità di innovare riscoprendo antiche usanze.

Continua a leggere

Andrea Falaschi

Andrea è la quarta generazione della macelleria Falaschi avviata dal bisnonno del ’25. Ha fatto esperienze a Londra e negli USA prima di dedicarsi alla macelleria di famiglia. Riesce a coniugare il rispetto delle tradizioni con l’opportunità che la tecnologia consente sia nella produzione che nella vendita. Presidio Slow Food  e vendita on line con un sito ben fatto, e un po’ di divertimento come il “Jazz in macelleria”, appuntamento annuale di primavera.

 

Continua a leggere

Francisca Frias

Francisca è arrivata in Italia negli anni ’90 per specializzarsi all’università di Firenze. Le difficoltà che il nostro paese pone a chi arriva da fuori sono tali che si è trovata dopo vari lavori ad occuparsi di donne straniere e di cucina. La cucina come elemento trasversale di tutte le culture, Francisca si è appassionata al tema e ha scoperto le sue doti di organizzatrice. Ha promosso e gestito con successo il primo catering multietnico di Firenze, poi un ristorante con le stesse caratteristiche di cucina dal mondo e adesso un bar con i propositi di fare nuovamente catering e l’ambizione di farlo per una compagnia aerea.

Continua a leggere

Leonardo Romanelli

Leonardo ha interpretato la maggior parte di ruoli intorno alla cucina, alla gastronomia, al vino. E’ stato, ed è, insegnante, cuoco, sommelier, giornalista, commediografo, attore, organizzatore di eventi. La passione è venuta dalla famiglia, ma poi è stato il destino a sottrarlo ad una carriera sportiva, indirizzandolo verso il mondo della cucina. Ha studiato alla scuola alberghiera, per poi diventarne insegnante,  e la sua vena creativa l’ha portato ad interpretare sempre nuovi ruoli.  Forse è l’unico critico che nel suo percorso abbia svolto la professione di  cuoco, e questo gli consente di entrare in contatto in maniera diretta con lo chef di turno. L’ultimo suo impegno è stato quello di direttore artistico  della terza edizione della Biennale Enogastronomica fiorentina. Continua a leggere

Giustino Catalano

E’originario della Valle Caudina in Irpinia, ha fatto studi di giurisprudenza; la passione per l’enogastronomia l’ha ereditata dal nonno paterno che coltivava uva e vendeva vino, e dal nonno materno esperto di pasticceria e cultore del cibo in genere.  Estremamente curioso, un approccio molto rigoroso alla conoscenza dei prodotti e alla deontologia professionale. La buona reputazione acquisita in anni di attività gli ha permesso di far diventare le sue passioni per la  terra e i prodotti un lavoro: il consulente enogastronomico. Il suo campo di lavoro spazia da essere Fiduciario (dimissionario come tiene a precisare) e Docente Slow Food a Responsabile Presidio Salsiccia Rossa di Castelpoto. Da Sommelier Professionista FISAR a Ambasciatore dell’Accademia della Gastronomia Storica. Da Tea Tester professionista a Educatore del Gusto.

Continua a leggere

Pablo Keito Canestrini

Keito ha trasformato la passione per l’enogastronomia trasmessa da suo padre in una attività. Ha fondato una società di comunicazione per valorizzare all’estero i prodotti di qualità  della miriade di piccoli produttori italiani. Poi Keito ha tessuto una rete di referenti territoriali per disegnare una mappa di itinerari enogastronomici da proporre a gourmet che vogliano conoscere un territorio e una cultura attraverso il cibo. Una impresa giovane, basata sulla relazione fra le persone che vi collaborano, sulla condivisione delle idee, sull’entusiasmo da trasmettere ai produttori e ai clienti. Continua a leggere

Alvaro Claudi

Chef, gastronomo, insegnante alla scuola alberghiera, animatore culturale, storico, anima da quaranta anni la vita enogastronomica dell’isola. Alvaro Claudi è la persona più colta in campo enogastronomico che puoi incontrare all’Elba. Orignario del Mugello si trasferisce all’Elba alla fine degli anni’70. E’ stato presidente dell’Associazione Cuochi Elbani,  ha fatto parte della Commanderie du Cordon Bleu, è stato tra i fondatori di Slow Food ed è anche Ufficiale del Corpo Militare della Croce Rossa, come responsabile del settore cucina emergenza e vettovagliamento. Autore di libri sulla cucina elbana. Continua a leggere

Felice Raimondo Agostoni

Scuola di cucina, lavori in vari ristoranti, una gastronomia insieme al fratello e poi l’avventura verso Barcellona per lasciare Milano che era diventata un po’ noiosa e un po’ “stretta” in quegli anni. Raimondo è arrivato in Catalogna circa venti anni fa ha aperto il suo primo ristorante, quasi un “chiringuito”, poi un pastificio e il ristorante attuale: Arcimboldo. Propone una cucina molto ampia ma soprattutto pasta e ravioli che sono la sua specialità.

 

Continua a leggere

Carlo Eugeni

Carlo è un elbano di Poggio che ha girato il mondo per lavoro. Ha imparato nel corso del suo lavoro ad apprezzare la buona cucina e gli alimenti di qualità. Quando è andato in pensione è ritornato all’Elba ed ha promosso la cultura dello Slow Food nell’isola. Conosciuto, apprezzato  è un instancabile animatore delle principali iniziative enogastronomiche che si realizzano nell’Arcipelago Toscano. E il responsabile della Condotta Slow Food dell’Elba e Capraia.

  Continua a leggere

Manuela Vanni

Manuela è una giovane e affermata fotografa di food ma ha iniziato la sua attività con la cucina rinascimentale. Studi in storia medievale, appassionata per quel periodo ha approfondito la cultura culinaria di Mastro Martino mentre apprendeva i segreti della cucina dalla nonna siciliana e dalla mamma marchigiana. Ha aperto e gestito un piccolo ristorante a Milano per tre anni. Ha scritto diversi libri di cucina ma la passione per la fotografia l’ha spinta a dedicarsi completamente a questo aspetto dell’universo culinario mettendo a frutto l’esperienza fatta in precedenza. Collabora  con case editrici e importanti riviste del settore. Continua a leggere