Mario Ragona

Mario Ragona ha poco più di trenta anni ma sono quasi venti che fa il pasticcere. Inizia giovanissimo la sua esperienza nelle migliori pasticcerie di Partinico, vicino Palermo,  e la pasticceria diventa una passione che lo porta a lavorare con maestri importanti, a perfezionarsi, a vincere tanti premi fino alla medaglia d’oro dei mondiali di Lussemburgo. Altra passione di Mario Ragona è il web, dove ha creato un negozio online di attrezzature professionali, un blog sulla pasticceria e da quest’anno il contest The Best Food Blog 2012. Continue reading

La ricetta di Mario Ragona

BAVARESE AL CIOCCOLATO AL LATTE

 Ingredienti:

  • gr 125 latte intero
  • gr 40 zucchero semolato
  • gr 50 tuorli
  • gr 5 gelatina in fogli “tipo oro”
  • gr 250 panna “semimontata”
  • gr 125 cioccolato al latte

Procedimento per la bavarese

Scaldare il latte e versarlo sui tuorli con lo zucchero, portare il tutto a 85 °c. Aggiungere la gelatina in fogli precedentemente ammollata e ben strizzata e mescolare insieme al cioccolato al latte. Lasciare raffreddare a 30 °c circa, e incorporare delicatamente la panna semimontata.

Aldo Claris Appiani

Gli Appiani hanno fatto la storia dell’Elba. Signori di Piombino, regnarono dal trecento  alla fine del cinquecento. In tutta l’isola si trovano torri di difesa contro i saraceni costruite dagli Appiani. Aldo ha fatto il medico a Milano per molti anni, poi si è appassionato alla  produzione vino ed è tornato nella terra della sua famiglia. Ha ripreso la piccola azienda artigianale che il padre aveva sul monte Fico, nella parte orientale dell’Isola d’Elba, e con dedizione l’ha trasformata in una cantina moderna dove la tecnologia è al servizio dell’integrità del prodotto. La fattoria Le Sughere produce un ottimo rosso, degli straordinari bianchi da vitigni autoctoni, dei passiti e anche uno dei due spumanti prodotti sull’isola. Continue reading

Sergio Pedruzzi

Sergio aveva un sogno: vivere all’Elba  e  fare il pescatore. Ha lasciato la sua azienda di impianti elettrici al figlio e con la moglie Luana ha ristrutturato la casa delle vacanze, ha comprato una barca e ha messo su un pesca turismo. Va a pescare con gli ospiti e insieme cucinano e mangiano il pesce pescato. Il pesce che non viene consumato viene  trasformato e conservato in vetro e poi venduto nel circuito Slow food dell’isola. Così con Le Barche in Cielo Sergio e Luana sono riusciti a realizzare il loro sogno e a trasformare cose semplici come l’ospitalità, la pesca, lo stare insieme a mangiare, la cucina e la conservazione del pesce povero in prodotti di valore.   Continue reading

La ricetta di Sergio Pedruzzi

Seppie di Giugno 

Ingredienti: 

Seppie appena pescate

Pane grattugiato

Prezzemolo

Olio extravergine di oliva

Sale, pepe

Si puliscono le seppie, si utilizzano solo le ali (i tentacoli e la testa si possono utilizzare per altre preparazioni). In una terrina si mescolano pane grattugiato, prezzemolo e sale. Si impanano le seppie ben bene da tutti e due i lati, poi si mette della carta da forno in una teglia si unge con un po’ d’olio, si adagiano le seppie si aggiunge olio extravergine e poco pepe nero. Si inforna a 220° per 10 minuti, poi si girano e ancora un po’ d’olio extravergine e una macinata di pepe. Si infornano nuovamente per altri 10 minuti (praticamente 10 minuti per lato) e sono pronte da servire calde, sono gustose  morbidissime. Si possono accompagnare con un dischetto di purea di patate fatto appena grigliare in forno.